Cultura 4.0

Cultura 4.0


Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza – Missione 1 Componente 3

Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza del Ministero della Cultura si inserisce nella Missione 1 (Digitalizzazione, innovazione, competitività, cultura e turismo), Componente 3 (Turismo e Cultura 4.0). Gli interventi previsti, in conformità con gli obiettivi e i principi trasversali del Piano, intendono ristrutturare gli asset chiave del patrimonio culturale italiano e favorire la nascita di nuovi servizi, sfruttando anche la partecipazione sociale come leva di inclusione e rigenerazione, con l’obiettivo di migliorarne l’attrattività, l’accessibilità (sia fisica che digitale) e la sicurezza, in un’ottica generale di sostenibilità ambientale. Le misure si basano su un modello di governance multilivello e prevedono una forte cooperazione tra attori pubblici, in linea con la Convenzione di Faro e il Quadro di azione europeo per il patrimonio culturale.


In primo piano

Leggi tutte le notizie

Avviso di selezione collaboratore in quiescenza – M1C3|2.4 Recovery Art

13 Febbraio 2024

Il Servizio VIII del Segretariato generale del Ministero della cultura, Soggetto Attuatore dell'Intervento per il Recupero e la riqualificazione del complesso militare dismesso “ex Caserma 8° Cerimant”, ha indetto una procedura selettiva per il conferimento di n. 1 incarico di collaborazione a titolo...

Avviso pubblico per la promozione dell’ecoefficienza e riduzione dei consumi energetici nei teatri e nei cinema ubicati nelle Regioni del Mezzogiorno – M1C3|1.3 Migliorare l’efficienza energetica in cinema, teatri e musei

La Direzione Generale Spettacolo del Ministero della Cultura, Struttura delegata al processo di coordinamento dell'investimento M1C3|1.3 Migliorare l’efficienza energetica in cinema, teatri e musei, ha aperto un Avviso pubblico per la presentazione di Proposte di intervento per la promozionedell’ecoefficienza...

Selezioni per partecipare ai corsi di formazione nelle tre macro aree: manageriale, creativa, lavoratori – M1C3|3.2 Sviluppo industria cinematografica (Progetto Cinecittà)

Si riportano di seguito gli avvisi pubblici per partecipare ai corsi di formazione relativi alla Missione 1 Componente 3 (M1C3) Turismo e Cultura 4.0, Misura 3 “Industria culturale e creativa 4.0”, Investimento 3.2 “Sviluppo industria cinematografica (Progetto Cinecittà)” finanziato dall’Unione...

Online il bando “Oltre il giardino. Maturare competenze” per la selezione di 220 partecipanti al corso executive su cura e gestione dei parchi e giardini storici – Fondazione Scuola Beni Attività Culturali – M1C3|2.3 Parchi e giardini storici

Aperto il bando per la selezione di 220 partecipanti a "Oltre il giardino. Maturare competenze", corso executive di 70 ore sulla cura e la gestione dei parchi e giardini storici rivolto a professionisti del settore. I temi del verde storico saranno affrontati alternando sessioni di formazione a distanza...

Avviso di selezione Assistente di ricerca – Fondazione Scuola dei Beni e delle Attività Culturali – M1C3|1.1 Strategia e piattaforme digitali per il patrimonio culturale

La Fondazione Scuola dei Beni e delle Attività Culturali ha avviato una procedura per la selezione di n. 1 Assistente di ricerca con contratto a tempo determinato, da finanziare nell’ambito dell'investimento M1C3|1.1 Strategie e piattaforme digitali per il patrimonio culturale, sub-investimento 1.1.6...

previous arrowprevious arrow
next arrownext arrow

Leggi tutte le notizie


Le misure della M1C3 in cui si articola il programma del MiC sono tre:


Misura 1


Patrimonio culturale per la prossima generazione

Risorse: 1,1 mld €

Il primo intervento a sostegno del patrimonio culturale per la prossima generazione prevede investimenti per creare un patrimonio digitale della cultura: si investirà per digitalizzare il patrimonio culturale, favorendo la fruizione di queste informazioni e lo sviluppo di servizi da parte del settore culturale/creativo. Questa misura sosterrà inoltre interventi dedicati a migliorare l’accessibilità dei luoghi della cultura e la sostenibilità ambientale, in termini di efficientamento energetico di musei, cinema e teatri (pubblici e privati).


Investimento 1.1

Piattaforme e strategie digitali per l’accesso al patrimonio culturale

Risorse: 500 mln €

Investimento 1.2

Rimozione delle barriere fisiche e cognitive in musei, biblioteche e archivi per consentire un più ampio accesso e partecipazione alla cultura

Risorse: 300 mln €

Investimento 1.3

Migliorare l’efficienza energetica in cinema, teatri e musei

Risorse: 300 mln €


Misura 2


Rigenerazione di piccoli siti culturali, patrimonio culturale religioso e rurale

Risorse: 2,72 mld €

I flussi turistici italiani sono tipicamente catalizzati da alcuni “attrattori” particolarmente noti a livello internazionale. Le implicazioni di questa polarizzazione sono che, da un lato, l’uso intensivo dei luoghi culturali più richiesti rischia di usurarli/impoverirli nel lungo periodo, mettendone a rischio la preservazione e la sostenibilità nel tempo, e dall’altro, che molti altri luoghi di grande valore artistico/culturale restano tagliati fuori dai flussi turistici.
Per scardinare questa dinamica gli interventi a sostegno di turismo e cultura non saranno focalizzati solo sulle grandi città: una linea d’intervento del PNRR sarà dedicata a sostenere lo sviluppo turistico/culturale nelle aree rurali e periferiche. Gli investimenti consentiranno la valorizzazione del grande patrimonio di storia, arte, cultura e tradizioni presenti nei piccoli centri italiani e nelle zone rurali, sostenendo il recupero del patrimonio culturale, l’attivazione di iniziative imprenditoriali/commerciali (ad esempio nuove modalità ricettive), rivitalizzando il tessuto socio-economico dei luoghi (ad esempio favorendo la rivitalizzazione di mestieri tradizionali, quali l’artigianato), contrastando lo spopolamento dei territori e favorendo la conservazione del paesaggio e delle tradizioni.
Al tempo stesso, si investirà nella riqualificazione di parchi e giardini storici, nella sicurezza antisismica dei luoghi di culto, nel restauro del patrimonio del Fondo Edifici di Culto e nella realizzazione di Siti di ricovero delle opere d’arte coinvolte in eventi calamitosi (Recovery Art).


Investimento 2.1

Attrattività dei borghi

Risorse: 1020 mln €

Investimento 2.2

Tutela e valorizzazione dell’architettura e del paesaggio rurale

Risorse: 600 mln €

Investimento 2.3

Programmi per valorizzare l’identità dei luoghi: parchi e giardini storici

Risorse: 300 mln €

Investimento 2.4

Sicurezza sismica nei luoghi di culto, restauro del patrimonio FEC e siti di ricovero per le opere d’arte

Risorse: 800 mln €


Misura 3


Industria Culturale e creativa 4.0

Risorse: 0,46 mld €

La misura prevede interventi nel settore cinematografico e audiovisivo per migliorarne la competitività: il rilancio di un polo europeo strategico e celebrato in tutto il mondo per la produzione cinematografica e televisiva quale Cinecittà è essenziale per l’esistenza stessa della produzione cinematografica in Italia e per aumentarne l’attrattività fra le produzioni cinematografiche e televisive europee e internazionali. Ciò contribuirà all’occupazione e alla crescita del settore e genererà ricadute. La misura si prefigge anche l’obiettivo di supportare l’evoluzione degli operatori dell’industria culturale e creativa. Questo comporterà interventi sia sui processi del settore, rivedendo gli appalti pubblici per gli eventi culturali con una logica di maggiore sostenibilità ambientale, sia sulle competenze, supportando il capacity building degli operatori su temi ambientali e digitali.


Riforma 3.1

Adozione di criteri ambientali minimi per eventi culturali

Investimento 3.2

Sviluppo industria cinematografica (Progetto Cinecittà)

Risorse: 300 mln €

Investimento 3.3

Capacity building per gli operatori della cultura per gestire la transizione digitale e verde

Risorse: 155 mln €


Strumenti